canazei.com

Scopri il territorio

Benvenuti tra le Dolomiti! Visita Canazei, il gioiello della Val di Fassa.

La flora

La flora della Valle di Fassa è veramente ricchissima di specie vegetali. Si citano solo alcuni nomi di quelle più note e facile da riconoscere.

La Stella Alpina

La Stella Alpina è la regina dei fiori montani, è una pianta erbacea perenne che cresce sulle rocce o nei pascoli di alta quota.

Tutta la pianta è permeata da una peluria lanosa che non serve per resistere alle basse temperature come si pensa comunemente, bensì per ridurre la traspirazione della pianta che è originaria di terre calde ed aride. Ha una dimensione massima che va dai 5 ai 20 cm e fiorisce nei mesi di luglio - agosto. È una pianta rara e protetta.

La Nigritella

La Nigritella è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle orchidee che viene anche chiamata Vanillina o Morettina per la particolarità del suo profumo che ricorda la vaniglia e il cioccolato.

Il suo colore varia a seconda della specie e può passare da un rosso cupo, al violaceo scuro al nero e si può trovare nei pascoli alpini o su terreni rocciosi tra i 1.000 e i 2.600 metri di altitudine. Fiorisce tra la primavera e l'inizio dell'estate e come le altre orchidee alpine è un fiore protetto.

La Genziana

Di Genziane ne esistono diverse specie che fioriscono durante il periodo estivo e sono quasi tutte specie protette. Crescono su terreni acidi o neutri ricchi di humus, in zone soleggiate e su prati e pascoli alpini fino ai 2.200 metri. Il loro colore può variare dal blu scuro, all'azzurro, al bianco o anche all'avorio, giallo e rosso ma in queste zone predominano le Genziane di colore blu che fioriscono tra la primavera e l'autunno.

Le loro radici vengono comunemente usate come aromatizzante per liquori o come prodotto per migliorare la digestione.

La scarpetta di Venere

La Scarpetta di Venere nasce e cresce su terreni calcarei o ghiaiosi dai 1.000 ai 2.000 metri. È la pianta appartenente alla famiglia delle orchidee più minacciata d'Italia a causa della raccolta eccessiva. È chiamata Scarpetta di Venere in allusione alla sua forma che ricorda una "pantofola" ma anche Pianella della Madonna.

Ha un'altezza di 50 cm circa e fiorisce tra i mesi di maggio - giugno.

Arnica montana

L'Arnica montana è un'erba medicinale perenne che cresce in terreni poveri e silicei, in zone montane dai 500 ai 2.500 metri.

È caratterizzata da un fusto eretto e robusto che può arrivare ai 60 cm e da fiori gialli simili a margherite. Fa parte delle specie protette perché è una delle piante medicinali maggiormente usate al mondo: le vengono infatti assegnate molte proprietà benefiche e curative ma è velenosa se ingerita.

Funghi

A partire dal periodo primaverile e specialmente nelle stagioni di agosto e settembre, i boschi della Val di Fassa offrono numerose specie di funghi.
Il sottobosco si riempie di prelibate varietà come finferli, russole, funghi del pane, mazze di tamburo ma soprattutto Boletus Edulis chiamato più comunemente porcino.

Non tutti i funghi sono commestibili, ed è molto importante saper riconoscere quelli velenosi; è facile infatti imbattersi nelle belle quanto pericolose Amanita Muscaria o Amanita Phalloides e Virosa.

La provincia di Trento disciplina la raccolta dei funghi in modo da preservare l'ecosistema vegetale attraverso norme precise. È dunque necessario denunciare l'attività in uno dei sette comuni della valle o negli uffici turistici in cui si possono trovare i bollettini postali per il versamento della somma che è commisurata alla durata del periodo di raccolta.